L’antiglobalismo come fenomeno

Consideriamo il fenomeno dell’antiglobalizzazione, cioè il movimento contro la globalizzazione. A volte si usa il termine “alterglobalismo” o “alterglobalizzazione” per definirlo. Il prefisso latino “alter” significa “altro”. Per “alterglobalismo”, quindi, si intende una critica e un rifiuto del globalismo attuale e una proposta di adottare e costruire un altro globalismo al suo posto. Cosa si intende per “un altro globalismo”, lo esamineremo ora.

Martin Heidegger, Russia e Filosofia politica

Le opere di Martin Heidegger hanno recentemente riscosso un accresciuto interesse in diversi Paesi. Mentre le interpretazioni dei suoi testi variano ampiamente, è interessante che l'eredità di Heidegger sia costantemente criticata dai liberali su tutta la linea, indipendentemente da dove e quale sia l'oggetto della critica, che si tratti del lavoro di Heidegger come professore universitario, del suo interesse per la filosofia dell'antica Grecia e le interpretazioni correlate dell'antichità, o il suo rapporto con il regime politico in Germania prima e dopo il 1945.

Ucraina, Aleksandr Dugin svela la verità sulla guerra di Putin contro l'Occidente

1) Partiamo dall’inizio: perché e quando nasce il conflitto in Ucraina?
È una costante della geopolitica. Le sue radici risalgono alla Russia antica, quando i principati russi occidentali di Volhynia e Galizia combatterono con i principati russi orientali, soprattutto la Rus' di Vladimir, per il controllo di Kiev. Kiev e il trono di Kiev passarono di mano in mano. Più tardi, il Granducato fu finalmente trasferito alla Russia orientale - Vladimir e Mosca - e le terre russe occidentali passarono sotto il dominio del principato di Polonia-Lituania.

Il Putin “solare” ha sconfitto il Putin “lunare”

L’ideologo della pax russica parla della possibilità di una guerra nucleare
Le strade di Kharkov erano coperte dai suoi ritratti nel 2014. I suoi seguaci Strelkov e Borodai furono i primi a guidare la fuga della DPR dall’Ucraina. I volontari russi sono andati nel Donbass con le sue citazioni in testa. Le sue teorie formarono la base delle idee per ripristinare l’impero eurasiatico e la riunificazione degli slavi orientali, russi, ucraini e bielorussi, un processo a cui stiamo assistendo dal 22 febbraio 2022.

La tecnologia è il nemico assoluto dell’Uomo

Premessa del curatore: il titolo, che potrebbe apparire fuorviante, è da intendersi nel senso profondamente filosofico dell’analisi. La tecnologia quale strumento delle potenze del globalismo e la sua attuale battaglia con la Russia, in particolare, e con tutto il mondo tradizionale, più in generale. Non si tratta quindi di un attacco di tipo primitivista o anarchico, ma una critica funzionale alla battaglia geopolitica, che è prima escatologica, in atto, cui Dugin fa costantemente riferimento.

Il paradigma della Fine [7/7]

Riassumiamo infine la nostra analisi sommaria. Abbiamo scoperto che a tutti i livelli dei modelli riduzionisti più generalizzati della teleologia storica esiste quasi la stessa traiettoria di sviluppo del processo storico. Ora dobbiamo solo collocare tutte le componenti rivelate nell’ultima formula generalizzante.

La “fine della storia” mai avvenuta e la guerra russa all’ordine liberale

Da un punto di vista ideologico, il mondo vive ancora all’ombra della controversia degli anni 90 tra Francis Fukuyama e Samuel Huntington. Qualunque siano le critiche che si possono muovere alle tesi di entrambi gli autori, la loro importanza non è stata in alcun modo sminuita, poiché il dilemma permane e, inoltre, è ancora il contenuto principale della politica e dell’ideologia mondiale.

Il paradigma della Fine [6/7]

L’ultimo livello su larga scala di riduzione della storia alla formula semplice si dovrebbe trovare nella storia delle religioni e nei problemi interconfessionali. Poiché la traiettoria generale del processo storico, che abbiamo rilevato fin dall’inizio nel paradigma economico, si è rivelata applicabile a tutti gli altri livelli analizzati, possiamo con fiducia cercare i suoi analoghi anche nella sfera religiosa.

Etnosociologia dell’Ucraina nel contesto dell’operazione militare

La comprensione approfondita dell’operazione militare speciale in Ucraina richiede una spiegazione preliminare: con che cosa, nel senso più ampio della parola, abbiamo a che fare? I concetti di “nazione”, “nazionalità”, “popolo”, “ethnos” sono totalmente confusi, e quindi quelli di “russi”, “ucraini”, “piccoli russi”, ecc. Dovremmo prima dare una mappa etno-sociologica e distribuire i concetti con cui operiamo nell’analisi di questo conflitto.

L’ora Z sull’orologio della Storia

L’operazione speciale Z non è solo la smilitarizzazione e la denazificazione dell’Ucraina, non solo il salvataggio del popolo russo del Donbass e l’affermazione della sovranità dello Stato russo. Si tratta di un ciclo fondamentalmente nuovo della storia russa, che ci riporta da decenni di stagnazione al percorso del nostro destino originale. Come la Terza Roma, il Grande Impero Cristiano, che impedisce al mondo intero di sprofondare nell’abisso.

La guerra come verifica della realtà

La guerra è sempre un controllo della realtà, una sua verifica. Ciò che la precede e l’accompagna, di regola, ha un carattere virtuale ed è, se non pura disinformazione (da tutte le parti), allora vi si avvicina, ed è quasi impossibile cogliere i temi e le tesi che corrispondono allo stato reale delle cose. Queste sono le leggi della correlazione tra la sfera dell’informazione e la realtà.

Katechon e Antikeimenos, la battaglia geopolitica dello Spirito

Quella che è in atto non è una guerra cominciata poche ore, né un botta e risposta fra nazioni già in conflitto da anni. Stiamo assistendo ad uno scontro fra due visioni del mondo: da un lato, la visione postmoderna, tecnofluida, dell’impero materiale, della democrazia importata con le bombe, del dirittoumanesimo colorato che si rivela tirannia, dei big tech e dei big pharma, della distruzione delle identità e dell’asservimento delle masse alle élite oligarchiche di potere, il Great Reset; dall’altra, la visione che afferma l’autodeterminazione, la libertà, le identità di ciascun popolo, la Tradizione, i diritti ontologicamente fondati, l’indipendenza finanziaria, la politica volta al bene comune, il grande Risveglio. È uno scontro apocalittico, intrinsecamente escatologico, e non capire la portata metafisica di questa battaglia significa mancare il cuore di ciò che sta avvenendo.

Pagine