Lo scontro delle civiltà: il futuro della Storia

La “Storia” ha un futuro? Oppure siamo entrati definitivamente nell’epoca del “senza tempo” che è il tempo lungo dell’ultimo uomo” nicciano come sostiene Fukuyama? Io penso che l’analisi delle vicende geopolitiche mondiali dal 1990 ad oggi ci confermi, Italia esclusa (la nostra nazione conferma al contrario la previsione nichilista di Fukuyama), che la “Storia” con la esse maiuscola si sia rimessa in moto in tutto il mondo reale ma questo dinamismo alla Huntington non sia adeguatamente percepito dalle masse per via dell’altro mondo parallelo oggi dominante: quello della “religione mediatica” per la quale non esiste il corpo né il tempo ma solo la ritualità di massa della fiction.

Fukuyama lo ammette: il mondo unipolare è collassato

Fukuyama nei primi anni ’90 aveva chiaramente fretta di dichiarare la vittoria mondiale del liberalismo e la fine della storia. Più tardi ha corretto la sua posizione. In alcune conversazioni personali con lui, mi sono convinto che egli comprende molti processi mondiali in modo molto realistico e che è capace di ammettere errori nelle sue previsioni – una caratteristica rara tra i politologi narcisisti che commettono errori ogni giorno e questo non fa che renderli ancora più arroganti.

Geopolitica della russofobia: un welfare ibrido

Tutti registrano un’ondata di russofobia. La domanda è: perché ora? Infatti, l’area delle relazioni interetniche è un argomento molto delicato, a volte assume proporzioni catastrofiche, fino a scontri e pogrom, e potrebbe sfociare in una guerra su larga scala; a volte rimane al livello degli scontri quotidiani. In ogni caso, se l’obiettivo è quello di scuotere questa o quella società, allora la sfera delle relazioni interetniche è il mezzo più conveniente, praticamente senza problemi.

La tianxia globalista, il doppio legame e l’irrisolvibile dilemma di Putin

La situazione ideologica in Russia alla vigilia delle elezioni sta diventando sempre più tesa. Il risultato delle elezioni non ha importanza, ma il sistema stesso comincia a tremare non per i rischi incombenti, ma per il fatto di entrare in risonanza per le contraddizioni accumulate in se stesso, che non si riflettono nelle elezioni, ma nel sistema stesso e nella società. Queste elezioni non possono nemmeno fingere di sfogare la loro carica. Il fatto è che non rilasciano nulla. Il vapore si accumula, la struttura comincia a far emergere i tremori interni.

La fuga dall’Afghanistan segna la fine dell’America

Oggi tutti parlano dell’Afghanistan, giustamente. Come abbiamo già in precedenza detto, i talebani banditi dalla Russia hanno preso Kabul e hanno stabilito il loro controllo su quasi tutto il territorio dell’Afghanistan. Il modo in cui gli americani sono fuggiti dal paese, ove in precedenza avevano dedicato tutti i loro sforzi a celebrare la settimana dei transgender e dei pervertiti nella loro ambasciata a Kabul, dimostra che il dominio americano e l’egemonia dell’ideologia liberale stanno crollando.

La caduta di Gerusalemme

Il 10 agosto 70 d.C., un evento molto importante ha avuto luogo per due religioni mondiali, il Cristianesimo e l’Ebraismo. In quel giorno le legioni romane dell’imperatore Tito fecero irruzione in Gerusalemme, difesa dai Giudei Zeloti che si erano sollevati contro il potere romano. I Romani sottoposero gli abitanti a una repressione brutale, uccidendo migliaia di persone, bruciarono la città stessa fino al suolo, e distrussero il Secondo Tempio, costruito da Zorobabele dopo il ritorno degli ebrei dalla cattività babilonese. La caduta della città fu preceduta da una terribile carestia, che costò anche centinaia di migliaia di vite e fu accompagnata da eventi mostruosi, tra cui il cannibalismo, che viene coloratamente descritto dallo storico ebreo Giuseppe Flavio. Per gli ebrei, questo evento è considerato una delle catastrofi più terribili della storia sacra.

L’Unione di Krewo

Il 14 agosto 1385, le autorità di due stati medievali vicini – Polonia e Lituania – si incontrarono al castello di Krewo, che si trova sul territorio dell’odierna Bielorussia, e conclusero un patto storico, una unione. L’alleanza tra i due stati confinanti e molto influenti dell’epoca fu suggellata dall’unione matrimoniale tra la regina di Polonia Jadwiga, l’ultima della dinastia Piast, e il principe pagano lituano Jagiello. In quel momento sembrava un’ottima soluzione geopolitica, poiché consentiva a due stati precedentemente ostili di concentrarsi sulla soluzione di problemi più importanti: resistere all’Ordine Teutonico situato nelle vicine regioni baltiche e rafforzare l’influenza della Lituania ad est, sotto il dominio dei mongoli e sotto il controllo dei principi russi, vassalli dei mongoli.

Merkel, uno sguardo d’addio

Putin ha sempre avuto una certa simpatia per la Germania. Questa è la sua esperienza personale, la sua conoscenza del paese e della lingua, e l’orientamento geopolitico verso la costruzione di una Grande Europa – da Vladivostok a Dublino – dove la Germania è chiamata oggettivamente a svolgere il ruolo di primo piano. La Germania è il cuore dell’economia sovrana europea, come la Francia nel mondo del dopoguerra – soprattutto sotto De Gaulle – è stata tradizionalmente il cuore della politica sovrana. L’alleanza franco-tedesca divenne la base dell’Europa unita. Inizialmente, è stato pianificato in modo molto diverso da quello che si è rivelato: l’Europa avrebbe dovuto diventare un polo indipendente di un mondo multipolare, indipendente sia da noi (Russia, N.d.T.) che dagli Stati Uniti, mantenendo al contempo legami di amicizia con entrambi. Negli ultimi trent’anni l’Europa non è dipesa molto da noi, ma dagli Stati Uniti, al contrario, in misura eccessiva.

Peter Mamonov, quando l’abisso sibila

Durante la pandemia, abbiamo cominciato a perdere personaggi famosi non uno per uno, come al solito, ma in blocchi interi, il che è molto triste. Non abbiamo tempo per riprenderci da una perdita, che subito dopo ne arriva un’altra. Luglio è stato particolarmente preoccupante. Conoscevo molti di coloro che sono di recente morti personalmente e guardavo gli altri con interesse e attenzione per molti anni.

L’ecosistema di guerra ibrido: la Russia sotto attacco

Un anno fa, nell’agosto 2020, il Dipartimento di Stato americano ha pubblicato un rapporto speciale intitolato Colonne di disinformazione russa e l’ecosistema della propaganda. Il rapporto ha «svelato» i media russi e i singoli siti, dalla solida RT ai miei modesti (soprattutto risorse filosofiche come geopolitica.ru e account personali sui social network), che sono stati accusati di voler diffondere l’influenza russa nel mondo, rimpiazzando e limitando l’influenza delle strutture informative globali occidentali. Allo stesso tempo, ovviamente sotto l’influenza di questa relazione, i miei account su YouTube, Twitter e persino la posta su Google sono stati disattivati.

L'afrocrazia : per un nuovo paradigma di rinascimento africano

All'epoca il mondo era diviso in due blocchi bipolari : ad Est vi era il blocco comunista sovietico e ad Ovest il blocco capitalista occidentale. In quel contesto di guerra fredda, le neo-Nazioni africane furono costrette a scegliere una posizione ben precisa affinché potessero essere riconosciute e sostenute di fronte al nuovo male che stava emergendo, ossia il neocolonialismo occidentale. Non si può negare che l'Unione Sovietica sotto la guida di Nikita Krusciov apportò un grande sostegno ai movimenti di liberazione anti-colonialisti in Africa, ma ciò fu effettuato in un'ottica prettamente ideologica, poiché era necessario diffondere ovunque sul continente africano gli ingredienti del marxismo-leninismo. Personalità rispettabili panafricaniste come Ahmed Sékou Touré (primo presidente della Guinea), Kwame Nkrumah su alcuni aspetti (primo presidente del Ghana)  o Mathie Kérékou (primo presidente del Benin ) optarono per questa via. Tuttavia, non tutti i dirigenti africani accettarono il marxismo-leninismo, poiché ritennero che fu un pensiero troppo limitato per le necessità degli africani, nonostante promuovesse buone idee, che sono tuttavia l'essenza dell'umanismo panafricano, come la solidarietà, l'anti-capitalismo, la sovranità popolare e l'anti-imperialismo. Il rifiuto dell'eterna lotta di classe e l'accettazione della religione come parte integrante delle società tradizionali africane, costituivano il punto di distacco principale tra il socialismo africano e il marxismo di stampo sovietico. Fu questa dinamica epistemica che spinse alcuni dirigenti africani a costituire un ''socialismo con caratteristiche africane'' : tra questi possiamo citare Julius Nyerere (primo presidente del Tanzania) che teorizzò nel libro ''Ujamaa : Essays on socialism'' , un socialismo senza marxismo e senza capitalismo. La sua concezione di Ujamaa doveva basarsi sul comunalismo, perché considerava che le società africane erano comunitarie e comunaliste, non comuniste, si praticava l'uguaglianza, il solidarismo, la condivisione e la fratellanza con tutti.

Sovranità ideologica in un mondo multipolare

Oggi, a causa dell’inerzia del mondo unipolare (che a sua volta eredita l’ideologia di uno dei poli dell’Occidente capitalistico bipolare), il liberalismo mondiale, in una forma o nell’altra, mantiene la funzione di sistema operativo di pensiero. Finora, nessuno dei poli emergenti a pieno titolo – cioè né la Cina né la Russia – ha sfidato il liberalismo nel suo insieme; sì, la Cina rifiuta la democrazia parlamentare, le interpretazioni occidentali dei diritti umani, la politica di genere e l’individualismo culturale; la Russia, invece, insiste con forza, innanzitutto sulla sovranità geopolitica, anteponendo il diritto nazionale al diritto internazionale, e comincia sempre più ad inclinarsi verso il conservatorismo (ancora vago e non articolato); allo stesso tempo, sia la Russia che la Cina (soprattutto quando agiscono insieme) sono in grado di assicurare concretamente la loro sovranità a livello strategico e geopolitico. La questione è minuziosa: passare finalmente alla multipolarità ideologica a tutti gli effetti ed opporsi all’idea liberale, che sia l’idea russa e l’idea cinese.

Genius loci: figure, simboli etimologici

Genius loci – lo spirito del luogo o lo spirito-padrone – è un concetto universale che in una forma o nell’altra troviamo in quasi tutte le culture, dalle più semplici a quelle più sofisticate e differenziate. Nella tradizione romana, lo spirito del luogo era rappresentato da una creatura antropomorfa (genio), i cui attributi classici erano la cornucopia, la fiala e una coppa senza impugnatura impiegata per libagioni rituali (patera). Spesso il gruppo iconico includeva l’immagine di un serpente e talvolta un altare per i sacrifici. L’intero gruppo costituiva un unico insieme, incentrato sul momento della cerimonia, il sacrificio, finalizzato a conseguire un risultato positivo: protezione, aiuto, acquisizione di beni.

La Russia sta tornando in Medio Oriente a favore di un sistema multipolare

Durante gli ultimi vent’anni di governo del presidente Vladimir Putin in Russia, il Paese ha in parte ripreso vigore. In netto contrasto con il primo mandato contemporaneo di Eltsin, la Russia non ha seguito incondizionatamente alcun sistema in Occidente e ha guidato le sue politiche sovrane. Ma questa volta, la Russia sta riacquistando la sua forza solo come superpotenza geopolitica, come una potenza terrestre, da cui deriva il concetto di Eurasia, e l’Eurasia in generale.

Etnosociologia: il fondo etnico della societá

Nelle pagine di Etnosociologia vi è il filo rosso del multipolarismo e della visione eurasiatica come stile di pensiero, che diventa azione culturale concreta, di cui il filosofo russo è straordinario interprete. Grande importanza è data alla definizione di Etnos. Tutto parte da questo punto. Il prof. Dugin non si è assolutamente risparmiato, consentendo nel corso dell’opera di avere ben fissato tale concetto, e rendendo possibile non solo la prosecuzione della lettura in maniera tale da interiorizzarla al meglio, ma soprattutto la decodificazione chiara dei processi che hanno innescato la post modernità fino dalle sue origini.

Ciò che il governo mondiale vuole

Oggi parleremo di quelle teorie del complotto che vengono censurate sempre più severamente nei diversi stati. Scrissi il libro Cospirologia e, nei primi anni ’90, introdussi questo termine nel linguaggio delle scienze politiche russe. Questa è, in linea generale, una parola americana. Inoltre, in uno dei miei primi discorsi alla Sorbona, ho proposto di introdurre questo termine in francese, perché i francesi usavano il termine cospirationnisme, ma non quello inglese cospirology.

Il posto dell’Europa in un mondo multipolare: elementi per un pensiero populista e rivoluzionario

L’emergente mondo multipolare è una rivoluzione geopolitica che non segna soltanto un cambio di paradigma rispetto al breve momento unipolare statunitense cominciato nel 1991, ma anche la fine dell’egemonia occidentale. Il cambiamento in corso verso la multipolarità favorisce le differenti civiltà in opposizione al progetto liberista della globalizzazione. Laddove la globalizzazione cerca di unificare il mondo sotto un unico sistema politico, la multipolarità esalta la diversità dei vari sistemi politici, delle varie ideologie e delle varie civiltà.

Michail Bakunin: il segreto dell'anarchismo russo

Mikhail Bakunin nacque il 30 maggio 1814 e divenne un autore ripudiato da tutti in Russia. I conservatori lo disprezzavano perché attaccava la monarchia; i bolscevichi la rifiutarono perché odiava Marx ed era panslavista e nazionalista russo; I cristiani ortodossi erano inorriditi dalla sua empietà; gli atei lo consideravano un mistico che predicava la strana idea di un uomo interiore.

Logos 3D

La struttura moderna del sapere, i cui principi sono stati stabiliti all’inizio della modernità, si concentra su un rifiuto coerente della gerarchia. Lo si vede più chiaramente nel nominalismo, che ribalta la tassonomia ontologica che risale ad Aristotele (individuo, specie, genere – individuum, specie, genus), a favore di una livellata equalizzazione tra di loro di tutte le cose prese sotto il modus hicceitas, la quiddità secondo Duns Scoto. Da qui si è già ad un tiro di schioppo dal positivismo logico di Bertrand Russell e del primo Wittgenstein. La negazione nominalista dell’ontologia della specie, l’eidos (per non parlare delle idee platoniche scartate ancora prima) porta un messaggio epistemologico molto importante: d’ora in poi, la conoscenza scientifica si baserà su un’immagine piatta, piuttosto che tridimensionale, dell’esistenza. Da logoi tridimensionali, stiamo passando a logoi bidimensionali.

È l’ora di combattere le élites globali dappertutto

Il 29 giugno, la comunità mondiale celebra la Giornata dei partigiani e degli insorgenti, la giornata dei “nascosti”. Mi piace l’idea. Nessuno può avere la garanzia di trovarsi nella posizione di una minoranza perseguitata, costretta a vivere nella clandestinità e a condurre uno stile di vita partigiano. I proverbi russi dicono: non si è mai troppo sicuri di evitare la povertà accidentale o la prigionia. Non dipende solo dalla nostra volontà. C’è dell’altro. Il destino.

La Massoneria oggi, le sue vittorie e i suoi nemici

Va notato che la corporazione dei liberi muratori («Freemason» in inglese, «le maçon» in francese che significa «lavoratore», «costruttore») erano conosciute nel Medioevo, così come i rappresentanti di altre professioni, riunite in corporazioni chiuse – le officine. Queste corporazioni erano segrete e potevano essere raggiunte solo passando un’iniziazione speciale. Oltre ai muratori stessi, c’erano le logge segrete di calzolai, pittori, castellatori, viticoltori, vetrai, ma anche spazzini e mendicanti. Sono stati talvolta chiamati con il termine generico «companionship», «le compagnonage.» Ogni professione aveva i propri riti e simboli, il più delle volte riconducibili alla storia biblica, ma spesso nella sua versione apocrifa. Inoltre, il simbolismo pre-cristiano potrebbe facilmente essere rintracciato ovunque. La caratteristica principale di Massoni e compagni era la loro appartenenza al Terzo Stato. I sacerdoti e l’aristocrazia avevano i loro ordini speciali e unioni segrete. Allo stesso tempo, le corporazioni medievali di artigiani, che vivevano prevalentemente nelle città, si differenziavano anche dalle comunità contadine, che in questo periodo si univano talvolta in gruppi mistici con le loro leggende, simboli, riti e dottrine.

Quali radici?

Non sono mai stato un seguace del pensiero eurasiatista, ma nell’inarrestabile avanzata della desertificazione neuronale coltivata ad hoc dal pensiero unico liberalcapitalista, ben pochi sembrano essere i segnali della presenza di intelletti in grado di ragionare secondo una impostazione non liberal e non anglosassone ed il Professor Dugin è uno di questi. Ed è quindi doveroso portare un’altra pietra verso la costruzione di un pensiero radicale che sia utile a differenti comunità di destino.

Pagine